FAIL (the browser should render some flash content, not this).
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Sei quì

Home Il Libro
FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Menu Principale

FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Policy

Coockie Policy

Policy Privacy

E-mail

Il libro "La Filarmonica Comunale di Castagneto Carducci" realizzato da Luciano Bezzini in collaborazione con Giacomo Pantani  usci nel 2002 in occasione dei 150 anni dalla fondazione della Filarmonica.

Qui  sotto riportiamo i commenti introduttivi della prefazione.

 
Quando Luciano Bezzini mi informò dell'idea di scrivere un libro sulla storia della "Filarmonica Comunale di Castagneto Carducci", accolsi con molto entusiasmo questo suo nuovo lavoro. L'uscita di questo libro coincide con il 150° anniversario della Filarmonica, che il Comune, insieme al Consiglio di Amministrazione della Banda, intende festeggiare con la realizzazione di importanti iniziative; tra queste vorrei ricordare l'edizione straordinaria di "Caleidoscopio 2002", tutta rivolta alla partecipazione di bande che verranno da diversi Paesi europei, tra cui Francia ed Olanda. L'edizione settembrina di Caleidoscopio sarà anche l'occasione per ricordare le tante persone, ed in modo particolare i musicanti, che, negli anni, hanno lavorato per mantenere e far crescere questa importante realtà cittadina: nata come istituzione borghese nel 1852, da allora ad oggi è passata indenne attraverso una serie di vicende storiche particolarmente difficili che hanno profondamente modificato la vita di intere generazioni. In questi 150 anni, la Filarmonica ha assunto un ruolo fondamentale per la nostra Comunità: alla sua attività sono legate le tappe più importanti e significative dell'appartenenza al territorio di Castagneto Carducci; penso alla presenza dei musicanti a tutte le ricorrenze istituzionali e nazionali, alle Feste Triennali, all'attività del "Teatro Roma", che proprio in questi anni, grazie anche al sostegno di altri Enti, l'Amministrazione Comunale intende riportare al suo antico splendore. Infine penso al ruolo, non certamente secondario, di riuscire ad essere un formidabile aggregante tra le diverse generazioni, unite dal piacere e dall'interesse per la musica e per il suo linguaggio universale. Oggi, che Luciano Bezzini e Giacomo Pantani hanno voluto trasporre tutto questo in un libro, ci sentiamo orgogliosi di essere parte di una Istituzione così antica e nello stesso tempo così attuale e soprattutto proiettata verso un futuro che, grazie anche al ricambio garantito dalla Scuola Comunale di Musica e alla stretta collaborazione con la "Corale Vannucchi", ci consentirà di apprezzare l'impegno e la bravura dei "Musicanti" di Castagneto Carducci. Un ringraziamento sentito va agli Autori, al Presidente della Filarmonica e alla Banca di Credito Cooperativo, sempre sensibile alle diverse realtà del territorio, che ha finanziato questa pubblicazione.

Monica Giuntini

 

 
Abbiamo voluto celebrare i nostri primi 150 anni chiedendo a Luciano Bczzini, memoria storica della comunità castagnetana, di scrivere un libro sulla banda. Grazie quindi a lui e a Giacomo Pantani, suo collaboratore in questa opera. Il libro e le altre celebrazioni programmate insieme all'Amministrazione Comunale, tra cui la seconda festa al Parco delle Sughere e un'edizione straordinaria di Caleidoscopio, riservata alle bande, devono essere l'occasione per rilanciare l'attività della banda che continua a suscitare simpatia e allegria in tutta la popolazione, quando sfila con le majorettes ed i musicanti, o quando esegue concerti. Per questo occorre rinnovare il rapporto con la scuola di musica che negli anni 80/90, grazie a Veleda Poeta e a Sauro Scalzini, fece di Castagneto Carducci un protagonista nazionale ed internazionale delle attività musicali e contribuì a rinnovare l'organico della banda con l'ingresso di tanti giovani. La scuola di musica non è la scuola della banda, è molto di più, tanto è vero che ha una propria bella orchestra ed altre attività, ma comprende anche molti strumenti per noi fondamentali: gli ottoni, i clarinetti, i flauti, le percussioni. Perciò chiediamo ai nostri amici insegnanti un impegno per motivare gli allievi a considerare utile un' esperienza nella banda, dove ci si può divertire ed insieme arricchire la propria formazione. Noi della banda, orgogliosi di questa secolare tradizione, vogliamo collaborare con le altre attività del Centro di Formazione e Diffusione della Musica, con gli amici della scuola di musica e della corale "Gustavo Vannucchi", per fare tanta altra strada insieme. La riforma dello Statuto del C.F.D.M., che unifica queste attività e, in prospettiva, la costituzione di una Fondazione, possono rappresentare il giusto livello di governo di tutte le attività musicali presenti nel nostro Comune. Ringrazio, anche a nome del Consiglio di Amministrazione della Filarmonica, il Sindaco e l'Amministrazione Comunale,che da sempre ci sostengono, e la Banca di Credito Cooperativo di Castagneto Carducci che ha finanziato questo libro. Ringrazio i musicanti e le majorettes, di oggi e di ieri, giovani e anziani, invitandoli ad impegnarsi ancora di più, perché abbiamo il dovere di continuare una storia così bella e importante, che ha attraversato ben tre secoli. Ringrazio i nostri soci per il sostegno che ci danno ed invito tutti i cittadini a fare altrettanto, per dare un futuro al nostro glorioso passato.

Roberto Tinagli

 

 
Il rapporto della Banca di Credito Cooperativo di Castagneto Carducci con la realtà socio-economica e culturale del territorio in cui opera da quasi un secolo, oggi esteso a tutta la fascia costiera della provincia di Livorno, è sempre stato di intensa collaborazione e partecipazione. Il legame però con la Filarmonica Comunale di Castagneto Carducci va ben al di là di ogni emozione artistica ed umana, trattandosi di una istituzione che è sorta e si è sviluppata in parallelo con la storia e le tradizioni della comunità ove opera ed in particolare della Banca stessa. Per questo motivo abbiamo accolto con interesse ed entusiasmo l'invito a collaborare alla realizzazione di questa opera che facesse rivivere i centocinquanta anni di storia della Filarmonica Comunale. Con piacere e soddisfazione abbiamo apprezzato come gli Autori, ai quali va il nostro plauso ed il nostro ringraziamento, abbiano saputo riportare su queste pagine l'opera svolta da questa istituzione, rilevandone in modo particolare la sua alta azione culturale e civica, soprattutto di aggregazione sociale, di riferimento per giovani di tante generazioni, vera scuola di vita, antesignana di tante forme di associazione oggi così apprezzate e ricercate. Da parte mia poi, che tanto amo Castagneto e la sua gente, un grazie alla nostra Banda per averci donato tanti momenti belli e tante emozioni, ricordi sempre vivi e struggenti nei nostri cuori.

Dottor Silvano Badalassi

Presidente della Banca di Credito Cooperativo di Castagneto Carducci